Archivio

Archivio Febbraio 2013

Tivvucrazia e dintorni

26 Febbraio 2013 Nessun commento

E’ evidente ormai a tutti che l’unico sistema davvero funzionante è la tivvucrazia.

Se sei in tv, se fai la tv, se appari in tv, se saluti in tv esisti, conti, comunichi e vinci. Se invece sei sul divano e la tv la guardi solo, indipendentemente dal voto che hai dato, hai perso.

Un comico ha governato questo paese per 20 anni, un altro si sta affacciando nella stanza dei bottoni, un altro ancora “Dario Fo” viene candidato come Presidente della Repubblica, un altro, l’ennesimo, qualche settimana fa ci ha spiegato la Costituzione.

Tutta gente di spettacolo, gente che ha fatto la tv, gente che anno dopo anno si infilata nelle nostre teste, ha plasmato i nostri gusti, le ns opinioni. Sono stati e sono come quei parenti molesti che parlano, parlano e parlano e tu puoi solo ascoltarli, o fingere di farlo mettendo a folle il cervello.

Il paese si appresta ad essere governato con il telecomando, se vai bene e sei fotogenico vai avanti, altrimenti via, in cassa integrazione, via, ai margini, via…Perchè non sei adatto al ruolo.

I grillini, che per comodità mia chiamero “vomeresi”, sono il rovescio della medaglia del Berlusconismo, hanno scelto di non scegliere la tv, attribuendo alla tv il ruolo di scopo e non di mezzo, sottolineandone, quindi, ancora una volta e di più, l’importanza.

Me li vedo già, in giro per le città ad evangelizzare, parlando di purezza ed energia pulita a sterco di ciuccio…Me li vedo a chiedere alla “rete” di esprimersi su tutto, dalla tav al taglio di capelli di Maradona.

Io non critico chi ha votato Grillo, cosa dovrei dire allora di quelli che votano forza nuova o fratelli di questo cazzo? Non critico nessuno, mi incazzo e basta, perchè ho il cervello in pappa e non sono più in grado di riconoscere un progressista da un conservatore.

Grillo, mi fa paura, mi appare come un burattinaio con troppi vomeresi attaccati ai suoi fili, staremo a vedere in che direzione vorrà muoverli e per che scopi, ovviamente lo vedremo stando comodamente seduti sul divano, magari in Tv, anzi no, ora l’aria è cambiata, vedremo tutto su you tube…

Categorie:Argomenti vari Tag:

elezioni 2013

25 Febbraio 2013 1 commento

ho 15 timbri sulla scheda elettorale, e sono tutte o quasi cicatrici. Ogni tanto la tessera me la guardo, è tutta stropicciata e piegata, usata, consumata, come un libro letto e riletto. Mi piace così. Mi piace pensare che nonostante tutto questa scheda è ciò che differenzia me dal solito angolista della politica, illusioni…

Anche stavolta sulla tessera mi troverò una piccola/grande cicatrice e sarà una cicatrice che varrà doppio o triplo, perchè ci vanno di mezzo anche i miei figli…

Negli anni del tennis ho imparato una cosa, e non è stato facile e cioè che non si vince perchè l’avversario è più scarso o perchè butta la palla in rete, ma perchè si è più forti e si mette la palla in campo.

Bersani evidentemente non ha mai giocato a tennis.

Di più non riesco a dire oggi, sono arrabbiato, non perchè si profila una sconfitta, ma perchè anche a questa tornata non c’è traccia di un seme, di un germe che faccia pensare ad un cambiamento…

Tutti a dire che andranno all’estero…Magari, almeno sarà più facile trovare parcheggio…

 

Categorie:Argomenti vari Tag:

Papa perchè, perchè Papa…

11 Febbraio 2013 1 commento

Caro Razi,

perchè ti sei dimesso? Il mio blog ti prendeva spesso e volentieri di mira, eri il Berlusconi in bianco, un obiettivo facile facile contro cui sfogare il mio stress e le mie incazzature. Lo so, lo so….Non rassicurarmi, lo so bene che chi ti succederà sarà altrettanto retrogrado e bravo a discriminare, però tu, con quella  faccia da cattivo di Star Wars, tu incarnavi davvero alla grande il male della Chiesa. Oggi contro i gay, ieri a coprire i pedofili, l’altro ieri contro i pinguini del Madagascar…

Mi sento spaesato, vorrei stringerTi la mano, (con annessi anelloni da milioni di euro), e chiederTi: “hai maturato i contributi per la pensione?”; “La Riforma Fornero inchiappetta anche te?”; “Ma quindi se tu eri Dio sceso in terra, ora anche Dio è andato in pensione?”.

Dio in pensione…Non ci avevo pensato prima, è un vero problema, a chi attribuiremo le colpe dei terremoti, degli uragani, dei rigori sbagliati, delle malattie…Oppure i meriti per la cinquina alla tombola di Natale, o per uno scampato pericolo??? Sono problemi caro il mio Ratzi.

Tu però hai fatto la tua scelta, ti sei fatto mettere a posto il tuo vecchio sidecar della II guerra mondiale e te ne sei partito alla scoperta del mondo, con la veste svolazzante messa a mò di mantello.

Non sei più Papa Razinger, sei Super Razinger, l’uomo che è stato Dio ed ora è di nuovo uomo.

Sul tuo curriculum, alla voce precedenti esperienze lavorative, potrai mettere: “Dio”. Un pò pretenzioso, ma secondo me davanti a Briatore, nella nuova serie di “The apprentice”, avrai ottime chance.

Buona fortuna Ratzi, continua a farci sognare con i tuoi libri, roba del genere “Gesù contro gli intillimani…”

Categorie:Argomenti vari Tag:

Cara proprietaria di casa…

11 Febbraio 2013 1 commento

Ti sia chiara una cosa anzi, ti siano chiare una serie cose:

1) il fatto che io ti dia del “Lei” e Lei del “Tu”, non significa che io sto sotto al pacchero, ma solo che “Lei” è più vecchia, e io glielo ricordo;

2) Se non viene escluso nel contratto, la caldaia è uno di quegli elementi che va consegnato in perfetto stato d’uso quindi, se va cambiato, la frase “veniamoci incontro” per me al più può significare che, quando arrivi a casa con la caldaia e l’installatore, io ti vengo incontro e ti apro la porta…Null’altro

3) La frase “io già ti ho concesso”, la riservi alle Tue figlie, non al sottoscritto che ti versa 1.050 euro al mese + condominio, ti sta rifacendo casa nuova e Ti ha concesso di registrare il contratto per metà…(scelta tua)

4) Se entrando in casa guardi le tracce fatte dall’elettricista e dici “bè ormai la Bose” fa il surround a soli 300 euro”, dimostri alcune cose: a) non capisci un cazzo di surround; b) non capisci che dare una casa in affitto non ti autorizza a mettere bocca sulle scelte di arredo e di sistemazioni varie che fa l’inquilino; c) non capisci, in generale, che le tue considerazioni non sono indispensabili su ogni aspetto dello scibile umano salvo poi, quando vieni smentita, affermare: “bè io di queste cose non ne capisco”;

5) Con i tempi che corrono, dovresti baciare in bocca la Madonna di Fatima ad aver trovato una famiglia come la ns.

6) Il tecnico della caldaia che su Tua autorizzazione è venuto a visionare la caldaia ed ha sentenziato che va sostituita, lo dovevi pagare Tu, la misera scena che hai fatto per 30 euro, dimostra che non sono le proprietà a fare nè la ricchezza, nè la classe. Sei lo stereotipo della figlia di uno con i soldi, con tutti i limiti che ciò, spesso, comporta. Pezzent!!!

7) Ultimo punto, (perchè non vale la pena che io arrivi a 10), se per il 28.2.2013 la caldaia nuova e fiammante non è in un funzione, mi basterà fare un assegno per un importo inferiore, previo invio di simpatica raccomandata che ti riassumerà, per intero, i termini della vicenda. A qualcosa deve pur servire la mia qualità di Avvocato….

Cazzi tuoi, anzi “Suoi”, cara Signora B………

Categorie:Argomenti vari Tag: