Archivio

Archivio Ottobre 2012

2 dita di un superalcolico qualsiasi ed un biglietto per i caraibi

23 Ottobre 2012 Nessun commento

Come in “un posto al sole”, come in tutti i film americani che si rispettino, come nell’immagine stereotipata dei padri di una volta, specie quelli danarosi e con la fila di lato…

2 dita di un superalcolico e/o un biglietto per i Caraibi.

Ho pensato che questo ci vorrebbe, per uscirne, per sedarmi e sedare le troppe voci.

Tornare a casa, dare fuoco al pc, all’Iphone, al Kindle, al microonde, al tostapane e poi mettermi in poltrona, di pelle però, e versarmi, da una bottiglia rigorosamente senza marca, due dita di un liquido giallognolo. Buttarmelo in corpo con un sorso solo come fosse gazzosa sfiatata e sentirmi immediatamente meglio, più calmo, più rilassato, più a mio agio, magari allargandomi anche un pò il nodo della cravatta, (che per l’occasione indosserei solo per potermela allargare).

I miei figli mi verrebbero incontro in fila ordinata per darmi il bacio della buonanotte dopo avermi mostrato un disegno, una sculturina, un colosseo di plastilina e poi andrebbero a nanna, crollando in 5 secondi netti. Riuscirei anche a raccontare loro i primi 30 secondi di Biancaneve.

Poi mia moglie, mi direbbe di rilassarmi e qui meglio non andare oltre.

“RUMOREDIUNFOGLIODICARTAGIGANTECHESISQUARCIAEVAFFANCULO”.

FINE DEL FILM.

Secondo episodio, torno a casa trafelato ed accelerato come un tossico fatto a coca, metto alla rinfusa, in un borsone da palestra, tutta la mia roba, (nei film tutta la roba non occupa mai tutto lo spazio che normalmente viene utilizzato per 2 giorni a Praga), e mi precipito in aeroporto. Lì mi allargo la cravatta, (non ha senso indossarla se non è previsto che venga poi allargata), mi sbircio nei pantaloni dove scorgo il costume a fiori che ho indossato per esser pronto alla nuova vita.

Si parte, Cuba, Cubalibre!!!!

Sul tavolo un foglietto: “ho iniziato a fumare, le sigarette italiane fanno male, vado a comprarle un pò più lontano, torno subito, S-U-B-I-T-O.!!!!

RUMOREINSOPPORTABILEDIGESSOSULLALAVAGNA!!!

Fine del secondo episodio.

Torno a casa con la schiena a pezzi, le troppe carte non messe a posto, i crediti non riscossi, le liti furibonde a casa e fuori.

Entro nel microappartamento che al Comune è accatastato come “Tetris”, guardo i due miracoli, tutto sommato è cmq il film migliore che potessi girare…Anche se ogni tanto qualche scena osè…:) o anche solo un pò di muto…

 

Categorie:Argomenti vari Tag: